welcome to MY BLOG

CUORE DI SEPPIA

Journal of poetry - ART - SPIRIT - LIFE



lunedì 6 giugno 2011

Ipotesi di insonnia


È una notte che rimugino nel buio.
Ci riprovo.
Mi concentro..
Respiro profondo // Respiro profondo
Nessuno sbadiglio.
02:00
Mia nonna lo diceva sempre che chi è stanco poi non dorme e se non dorme gli s’accozzano i nervi: "Io ce li ho già i penzieri miei" strillava "pe’ quelli nuovi non c’è mica spazzio". Agitava quelle mani in aria, s’allacciava il grembiule e tornava a cantare..
I me di de mo da mur.. Je vuà la vi e Rose.
"S’è affacciata?", chiedeva: "S’è affacciata?". La secca del secondo piano al ritornello compariva sul balcone, minacciava con pupille di malocchio e col manico di scopa assestava i colpi al pavimento. A me sembrava che tenesse il tempo. "Non regge che parlo il francese", sosteneva quella vecchia che trent’anni prima aveva spinto forte per far uscire mia madre. Ancora uno.
Ancora uno. All’ennesimo sforzo l’aveva ricacciata alla luce. Una lucertola nera. Un’erba amara sradicata. Ho sempre saputo di lei. Delle sue dita fragili, della sua malattia. Di quei lamenti trascinati a stento e incatenati al cielo. Non era che una pazza.
Ora è un’ombra. Aderente alla mia.
04:00
Nessuno sbadiglio.
Respiro profondo // Respiro profondo
Mi concentro..
Ci riprovo.
È una notte che rimugino nel buio.



Image by Barbara Giorgis

10 commenti:

  1. Conosco il rimuginare - che nervoso, che fastidio.
    Quando ho voglia di dormire provo a fare un po' di meditazione: mi metto a pancia in su, mi concentro a partire dai piedi, controllo tutti i muscoli, li rilasso, e poi passo ai pensieri, e tento di rilassare pure loro.
    Ma spesso mi stufo del mio stesso gioco e riprendo a rimuginare.

    Dicono la cosa migliore sia alzarsi e fare altro. Io con un figlio mi dico che devo cercare di dormire quando posso, e non riuscendoci aumenta il nervoso e il fastidio ma non riesco ad alzarmi.

    Proverò a cantare la vie en rose... Come questa tua nonna... Un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Un racconto venuto fuori chissà da dove. Nulla di quello che ho scritto è vero.. eppure tutto lo è. In un altro parallelo ci sarà una nonna che storpia Edith Piaf..

    In ogni caso, ieri davvero ho faticato a prender sonno e nell'attesa che arrivasse finalmente il primo sbadiglio ho viaggiato con la fantasia. Ho preso spunto da quel rimuginare. Unica note positiva di una serata faticosa. Grazie per essere passata di qui Nespola, farò presto capolino anch'io :)

    (casomai ci teniamo compagnia al prossimo attacco di insonnia)

    RispondiElimina
  3. la notte non porta sempre consiglio

    RispondiElimina
  4. ho un'amica che potrebbe serenamente essere la nonna del tuo racconto.
    storpia tutte le canzoni della Piaf XD

    p.s. wonderful, like always

    RispondiElimina
  5. Allora.
    Sei.
    Perfetta.

    Ciao Nespola :)

    RispondiElimina
  6. La notte mi coccola con o senza sonno...evidentemente non riuscir' ad incontrare Morfeo prima o poi da sui nervi...un abbraccio!

    RispondiElimina
  7. Meglio andare a letto con i pensieri sbriciolati.

    7

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...